LA SCUOLA DI SKATE DI MILANO: CORSI INTENSIVI DI SKATEBOARDING

Dopo la richiesta di lezioni e corsi per questo periodo, Coyote rimarrà alla Scuola di Skate di Milano fino al 9 Maggio in modo di soddisfare tutte le domande. Se siete interessati a dei corsi intensivi di skateboard e delle lezioni speciali indirizzate al surf siete ancora in tempo di prenotare i posti che sono rimasti disponibili.

Per informazione e prenotazioni contattaci su:

coyoteskateschool@gmail.com

LA SCUOLA DI SKATE DI MILANO: FILOSOFIA DELLO SKATEBOARDING

Nella Coyote Skate School siamo fieri di quello che rappresenta il posto da dove proveniamo e dove skateamo praticamente da quando è stato creato, il Parco Lambro Skatepark. Siamo anche fieri della natura multietnica di via Padova, alla quale teniamo e dove lavoriamo per favorire l’integrazione di tutte queste culture attraverso lo skateboarding. Ci piace trasmettere la nostra esperienza surfistica e raccontare le origini di questo nostra attività e dei personaggi che abbiamo trovato durante il nostro percorso attraverso lo skate e il surf sia in Europa che in America. Tutto questo bagaglio culturale si riassume in una filosofia molto vicina a quella delle origini dello skateboarding moderno, nella California degli anni 70. Filosofia che trasmettiamo ad ogni nostro evento, workshop e singola lezione. Insomma, lo skateboarding come una forma di approcciare la realtà di ogni giorno, di confrontarsi con i problemi e risolverli, di contestare gli aspetti che non ci piacciono e di goderci la vita. Non concepiamo lo skateboarding come uno sport ma come una realtà molto più ampia e complessa, difficile da spiegare con delle parole e impossibile da valutare con dei punteggi nei contest.

È per questo che non siamo una scuola “normale” ma una realtà fondata proprio sulla cultura dello skateboarding, che cerca sempre di scappare dalla logica del profitto di un sistema che non ci rappresenta. Non siamo una realtà commerciale, non cerchiamo di vendere prodotti inutili attraverso le nostre attività, non utilizziamo divise, né loghi né slogans. Se vuoi trovarci devi venire da noi, trovarci per strada, chiedere in giro oppure cercarci con impegno. Soltanto così riuscirai a trovare una vera scuola di skateboarding, una realtà che non si ferma all’apparenza e che nel suo seno vuole soltanto chi lo skate ha voglia di amarlo, di rispettarlo e di costruirlo. Se non hai queste caratteristiche è meglio che cerchi un’altra scuola, ce ne sono tante che ti offriranno la possibilità di “allenarti” con loro, di crescere nella tua “carriera”, di fare “agonismo” e magari di “andare alle Olimpiadi”. Noi NO. Noi vogliamo soltanto bambini e adulti con voglia di amare lo skate e di skateare le strade insieme. In questo modo ci troverai e noi riusciremmo a darti il meglio di una cultura che ormai non si ferma più.

Grazie a tutti voi, Coyotes & Coyotitos, per il vostro supporto!

Coyote Painting Walls

 

POP AN OLLIE AND INNOVATE, BY RODNEY MULLEN: SKATE & CREATE XV

Pop an Ollie and Innovate è una interesantissima disertazione di Rodney Mullen sullo skateboarding e la creatività. Che chi è Rodney Mullen? In un’altro post ne parliamo…

JASON LEE: SKATE & CREATE XIII

Jason Lee è una di queste face che puoi vedere in televisione oppure al cinema senza mai immaginare che dietro il personaggio si nasconde uno degli skater più influenti di tutti i tempi. Attore, pittore ma sopratutto appartenente a questa categoria d’individui che danno allo skateboarding la categoria d’arte in se.

SPIKE JONZE: SKATE & CREATE X

Vi è famigliare Where the Wild Things Are? Spike Jonze è il responsabile della bellissima adattazione cinematografia di questo meraviglioso libro scritto da Maurice Sendak oltre a essere autore di video chiave nello skateboarding e nella evoluzione del suo linguaggio artistico. Tra questi Video Days, Fully Flared e The Krooked Chronicles.

Se poi vi suona di qualcosa Being John Malkovich oppure Jackass probabilmente vorrete continuare a seguire il filo della sua interesatissima carriera artistica.

DILLON BUSS: SKATE & CREATE VIII

Dillon Buss è un skater di Boston (USA) cui skateboarding trasuda la sua condizione di artista e viceversa. Specializzato in filmaking è anche un eccellente illustratore e performer.

MATTEO DI NISIO: SKATE & CREATE VI

Il filo iniziato con Gianluca Mariani ci porta direttamente verso altri skaters-artisti italiani come Matteo Di Nisio. Street skater di straordinario talento sia sulla tavoletta a quattro ruote che quando si tratta di approcciare il suo lavoro artistico.

 

GIANLUCA MARIANI, SPAGHETTOCHILD: SKATE & CREATE V

In Italia ci sono anche un bell pò di eccellenti esempi di skaters capaci di spremere le loro inquietudini artistiche in diversi campi. Questo è il caso di Gianluca Mariani, skater, artista e alma mater di SpaghettoChild (insieme a Diana Manfredi, artista filmaker che meriterebbe un capitolo tutto per lei).

Oltre alla sua interessante creazione artistica, che si materializza nella realizzazione di grafiche per il suo marchio, nella sistemazione e restaurazione di motorini (Honda) e in lavori pittorici chiaramente influenziati dalla cultura dello skateboarding e della musica hardcore (e dintorni) degli anni 90, quello che piu ci chiama l’attenzione è il suo modo di skateare.

Gianluca Mariani è stato per anni una delle punte di diamante dello street skateboarding italiano, influenzando tanti altri skaters. Il suo modo di skateare si caratteriza per un stile fluente e per la sua capacità d’interpretare l’uso del mobiliario urbano facendo che lo straordinario sembri semplice e dando al “semplice” flatland connotazioni straordinarie.

TOMMY GUERRERO: SKATE & CREATE II

Tommy Guerrero e’ uno di quelli skaters che fa’ che lo skateboarding sembri umano, quasi semplice. La sua concezione del skateboarding e’ talmente plastica che riesce a trasmettere contenuti che vanno al di la’ dei tricks. Con la sua chitarra riesce a fare altretanto…

RAY BARBEE: SKATE & CREATE I

La relazione tra skateboarding e arte viene da cosi lontano che si puo dire che lo skateboarding sia tanto uno sport come una forma d’espressione artistica. Ci sono skateboarders musicisti, pittori, scultori, architetti, scrittori, filmakers, fotografi e cosi via e poi ci sono skaters che concepiscono lo skateboarding come una forma di espressione della loro propria anima, skaters che quindi concepiscono il loro movimento sopra la tavola come una forma d’arte.

Ray Barbee e’ uno di questi skaters cui movimenti sono piu’ vicini alla espressivita’ del mondo del’arte che a una concezione puramente atletica o sportiva. In piu’ e’ un eccellente musicista.